Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Venezia

Avviso al pubblico per la locazione di unità immobiliari ad uso abitativo

stampa

L’ ATER, con il presente Avviso, intende assegnare in locazione, ai sensi del vigente Regolamento per la locazione di alloggi non soggetti alla legge regionale n.10/1996, approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell’Ater n.91, del 07/04/2005 e modificato con deliberazione n.121 del 21/05/2007, esecutivo a seguito del provvedimento della Giunta Regionale del Veneto in data 19/06/2007, e ai sensi della delibera del C.d.A. dell’Ater di Venezia n.108 del 10/07/2006, gli alloggi di esclusiva proprietà siti in Comune di MUSILE DI PIAVE.

I canoni di locazione variano da euro 287,83 a euro 317,56 compresa I.V.A. 10%.

Gli alloggi saranno dati in locazione a canone concertato, con le modalità definite ai sensi della Legge n. 431 del 9 dicembre 1998, art. 2, comma 3 con contratti di locazione di anni tre, rinnovabili per ulteriori 2 anni.

Gli interessati alla locazione degli alloggi dovranno far pervenire, esclusivamente tramite spedizione postale, e a tal fine farà fede la data del timbro dell’ufficio postale accettante, entro il termine perentorio del giorno 28/12/2012, apposita domanda che dovrà essere redatta su specifico modulo a disposizione presso gli uffici dell’ATER di Venezia.

La domanda, redatta in carta semplice, dovrà pervenire in busta chiusa recante la seguente dicitura: “Locazione alloggi Comune di MUSILE DI PIAVE 2012” al seguente indirizzo:

ATER VENEZIA
SERVIZIO ATTIVITA’ IMMOBILIARI
Dorsoduro 3507
30123 VENEZIA

L’Avviso, con apposito schema di domanda, è disponibile anche su sito INTERNET www.atervenezia.it

CATEGORIE DEGLI AVENTI DIRITTO A PARTECIPARE

I richiedenti dovranno essere in possesso di tutti i seguenti requisiti:

  1. cittadinanza Italiana o di uno stato aderente all’Unione Europea. Il cittadino di altri Stati è ammesso se tale diritto è riconosciuto, in condizioni di reciprocità da convenzioni o trattati internazionali e se è iscritto nelle apposite liste degli uffici provinciali del lavoro. Il requisito della reciprocità non è richiesto se il cittadino di altri Stati svolge o abbia svolto nell’anno precedente la data di scadenza dell’Avviso di concorso, attività lavorativa in conformità alla normativa vigente;
  2. residenza anagrafica o attività lavorativa esclusiva o principale in uno dei comuni della Regione Veneto.

REQUISITI DI REDDITO DEGLI ASPIRANTI CONDUTTORI

I richiedenti dovranno trovarsi nella seguente situazione di reddito.

A) REDDITO MINIMO: reddito convenzionale annuo del nucleo familiare non inferiore a € 15.000,00 (quindicimila/00) più gli incrementi indicati di seguito qualora il nucleo familiare abbia un numero di componenti superiore a due o più figli a carico. Per reddito convenzionale si intende la somma dei redditi fiscali di tutti i componenti del nucleo familiare, quali risultano dall’ultima dichiarazione presentata. Qualora il nucleo familiare abbia un numero di componenti superiore a due il reddito minimo richiesto è elevato di € 516,46 per ogni componente oltre i due, sino ad un massimo di € 3.098,75; per ogni figlio a carico il reddito minimo richiesto è elevato di € 1.032,91 se totalmente a carico, ovvero in percentuale corrispondente alla quota di carico fiscale indicato nella domanda. Per reddito fiscale si intende il reddito di cui all’articolo 8 del DPR 22 dicembre 1986, n. 917 e successive modificazioni, dedotti gli oneri di cui all’art. 10 del Tuir quali risultano dall’ultima dichiarazione presentata.

B) REDDITO MASSIMO: Indicatore della situazione economica del nucleo familiare (ISE) non superiore a euro 60.000,00 aumentato di euro 2.000,00 per ogni figlio/a a carico (allegare dichiarazione ISEE);

CONDIZIONI OSTATIVE ALL’ASSEGNAZIONE DELL’ALLOGGIO

Non possono ottenere l’assegnazione di un alloggio coloro i quali siano:

  1. assegnatari di altro alloggio adeguato al nucleo familiare di proprietà di un ente previdenziale o pubblico, o assegnatari di un alloggio di edilizia residenziale pubblica soggetto alla L.R. 10/1996, se non previa rinuncia /restituzione dello stesso;
  2. titolari di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su alloggi o quote, o parti di essi, ubicati in qualsiasi Comune del territorio nazionale, di cui il sei per cento del loro valore catastale complessivo è superiore al cinquanta per cento dell’ammontare annuo di una pensione minima INPS;
  3. richiedenti con sfratto per inadempienza contrattuale o per morosità;
  4. occupanti senza titolo un alloggio di edilizia residenziale pubblica o privata.

Tali condizioni ostative si applicano sia ai dichiaranti che ai componenti del nucleo familiare.

TITOLI DI PRIORITA’ PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA

A) Gli alloggi del presente avviso saranno assegnati prioritariamente a nuclei familiari con presenza di almeno una persona con età superiore ai 65 anni.

Il livello di priorità è attribuito con le seguenti condizioni e punteggi:

  1. presenza di provvedimento esecutivo di sfratto non intimato per inadempienza contrattuale: punti 2;
  2. presenza nel nucleo familiare di portatori di handicap (certificato dagli organi competenti), che comportino una percentuale di invalidità uguale o superiore al 50%, o di persone di età superiore a sessantacinque anni non autosufficienti: punti due per persona, con un massimo complessivo di 4 punti;
  3. nucleo familiare composto da un solo adulto con uno o più figli fiscalmente a carico (sono considerati a carico i figli che, indipendentemente dall’età, hanno un reddito complessivo annuo inferiore a 2.480,52 euro): punti 1, con un massimo complessivo di punti 3;
  4. coppie che abbiano contratto matrimonio da non oltre un anno dalla data di scadenza del presente Avviso, o che contraggano matrimonio prima della sottoscrizione del contratto di locazione, ovvero coppie conviventi, purché la stabile convivenza abbia avuto inizio da almeno due anni e sia dimostratanelle forme di legge: punti 1;
  5. titolari di un contratto di locazione in corso di validità da almeno dodici mesi dalla data di scadenza del presente Avviso, con canone di affitto superiore al 30% del reddito fiscale complessivo dichiarato in domanda: punti 1;
  6. alloggio inadeguato ad ospitare il nucleo familiare, certificato dagli organi competenti: punti 1;
  7. lavoratori posti in mobilità per ragioni di servizio da pubbliche amministrazioni e da datori di lavoro privati: punti 1;
  8. residenza anagrafica o attività lavorativa del richiedente nel Comune di Musile di Piave da almeno un anno: punti 1;
  9. residenza anagrafica o attività lavorativa nel Comune di Musile di Piave da almeno cinque anni: punti 2;
  10. residenza anagrafica o attività lavorativa nel Comune di Musile di Piave da almeno dieci anni: punti 3;
  11. residenza anagrafica o attività lavorativa nel Comune di Musile di Piave da almeno quindici anni: punti 4.

B) Soddisfatte tutte le richieste con priorità A), i residui alloggi disponibili saranno assegnati agli altri richiedenti in possesso dei requisiti previsti (ma non rientranti nella condizione di priorità di cui alla lettera A), nel rispetto delle priorità sopra indicate ai numeri 1 – 11

N.B.

  • Le condizioni sopra elencate possono sommarsi aumentando i punteggi di priorità.
  • I requisiti di ammissione e le condizioni che costituiscono titoli di priorità devono essere posseduti alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda, nonché al momento della sottoscrizione del contratto di locazione.
  • Nella domanda dovrà essere attestato, ai sensi degli artt.46/47 e 48 del D.P.R. 445/2000, il possesso, alla data di scadenza dell’avviso, dei requisiti e delle condizioni che costituiscono titoli di priorità.

MODALITA’ DI FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA E DURATA

Decorso il termine di scadenza del presente Avviso, si provvede alla formazione della graduatoria dei richiedenti secondo l’ordine derivante dal punteggio dei titoli di priorità posseduti, con esclusione di coloro che risultino privi dei requisiti richiesti o presentino condizioni ostative alla loro ammissione.

A parità di punteggio sarà data priorità alle domande di soggetti aventi reddito minore. In caso di ulteriore parità si procederà mediante sorteggio.

La graduatoria, approvata dal Direttore dell’ATER, è pubblicata mediante affissione all’albo aziendale per la durata di giorni 15, durante i quali e per ulteriori 10 giorni sarà possibile presentare gli eventuali ricorsi. I partecipanti alla procedura selettiva possono prendere visione dei relativi atti e chiederne copia nei limiti e con le modalità di cui al regolamento dell’ATER di Venezia in materia di accesso ai documenti amministrativi.

Sulla base della graduatoria, come eventualmente modificata in seguito ai ricorsi ammessi e resa definitiva, gli alloggi sono proposti in locazione tenendo conto della composizione del nucleo familiare del richiedente, anche in relazione ai parametri di superficie di cui all’articolo 9, commi 3 e 4, della L.R. 10/1996.

L’ATER potrà richiedere, in occasione della stipula del contratto di locazione, la documentazione relativa alle dichiarazioni effettuate.

Il conduttore è tenuto a trasferire la sua residenza nel nuovo alloggio entro 60 gg. dalla sottoscrizione del contratto di locazione, sotto comminatoria di immediata risoluzione del rapporto locatizio.

Sono escluse dalla selezione le domande non compilate sugli appositi moduli, quelle non complete di tutti i dati richiesti e sottoscritte, quelle non corredate da una fotocopia di un valido documento di identità, e quelle che, in base al timbro dell’ufficio postale, risultino spedite dopo la scadenza del termine perentorio previsto dall’avviso.

Qualora le domande pervenute entro il termine previsto dal presente avviso non consentano la locazione di tutti gli alloggi, sono prese in considerazione anche le domande pervenute successivamente, che, ove risultino conformi a quanto stabilito dall’avviso, sono inserite in graduatoria dopo le domande pervenute nei termini secondo l’ordine cronologico di presentazione all’ATER, considerando i titoli di priorità ai sensi dell’avviso solo in presenza di domande pervenute lo stesso giorno.

I richiedenti utilmente inseriti nella graduatoria definitiva saranno convocati mediante lettera raccomandata A/R per la scelta dell’alloggio adeguato.

I richiedenti che, senza giustificato motivo, non si presentassero all’incontro per l’eventuale scelta dell’alloggio o non esibissero la documentazione relativa al possesso dei requisiti e titoli di priorità nei termini previsti dall’Ater, saranno considerati rinunciatari e verranno esclusi dalla graduatoria.

E’ altresì considerata rinuncia, con conseguente archiviazione della domanda, la mancata sottoscrizione dell’impegnativa a locare uno degli alloggi proposti.

La non sottoscrizione dell’impegnativa a locare motivata dalla non adeguatezza dell’alloggio offerto in locazione, non comporta l’esclusione dalla graduatoria.

Le situazioni di non adeguatezza sono accertate e documentate dal Servizio Ater competente in relazione alle seguenti fattispecie:

  • non rispetto dei parametri di superficie di cui all’articolo 9 della legge regionale n. 10/1996;
  • concorrenti portatori di handicap.

La rinuncia alla sottoscrizione del contratto di locazione di un alloggio idoneo, sarà motivo di esclusione automatica dalla graduatoria.

La graduatoria formata ai sensi del presente avviso avrà validità fino alla approvazione di nuova graduatoria formulata in base a successivo avviso di locazione.

Per quanto non previsto dal presente avviso si applica il regolamento vigente per la locazione di alloggi non soggetti alla legge regionale n.10/1996, approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell’Ater n.91, del 07/04/2005 e modificato con deliberazione n.121 del 21/05/2007, esecutivo a seguito del provvedimento della Giunta Regionale del Veneto in data 19/06/2007 e successive modifiche e integrazioni e ai sensi della delibera del C.d.A. dell’Ater di Venezia n.108 del 10/07/2006.

Per ulteriori informazioni gli interessati possono telefonare al numero 041/798971.

Venezia lì, 06/12/2012

IL DIRETTORE f.f.
dott. ing. Domenico Contarin

IL VICEPRESIDENTE
Fabiano Gibin

Documenti

 

Torna Sutorna su