Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Venezia

L’uso degli alloggi

stampa

La consegna

Al momento della firma del contratto di locazione, l’inquilino riceverà la planimetria dell’alloggio, il Regolamento per gli inquilini, il Regolamento del condominio o quello per l’autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni. Al momento della consegna delle chiavi dell’alloggio, viene sottoscritto il verbale di consegna, nel quale l’inquilino può chiedere che siano annotate eventuali anomalie. Vengono inoltre consegnate le dichiarazioni di conformità degli impianti tecnologici, rilasciate dalle ditte costruttrici. A garanzia dell’osservanza degli obblighi contrattuali, il conduttore è tenuto a versare un deposito cauzionale (o altra documentazione prevista dalle procedure dell’ATER).

Responsabile di tutte le pratiche per la consegna degli alloggi ATER è l’Area Tecnica (nel caso di alloggio nuovo) o il Servizio Manutenzione (nel caso di alloggio ristrutturato). Responsabile di tutte le pratiche per la consegna degli alloggi di terzi è il Servizio Attività Immobiliari e Autogestioni e Condomini.

L’uso degli alloggi

Il conduttore non potrà sublocare l’alloggio o usarlo, anche parzialmente, per uso diverso da quello di abitazione. Dovrà inoltre abitare stabilmente nell’alloggio o chiedere all’ATER l’autorizzazione ad assentarsi per lunghi periodi a causa di gravi motivi. Il conduttore non potrà apportare alcuna modifica, innovazione, miglioria o addizione ai locali locati e alla loro destinazione, o agli impianti esistenti senza il preventivo consenso scritto del locatore. Il conduttore si obbliga a rispettare le norme del regolamento interno dello stabile o di condominio, il Regolamento per gli inquilini dell’ATER e il Regolamento dell’autogestione. Si obbliga inoltre a osservare le deliberazioni dell’assemblea dei condomini e comunque le regole del buon vicinato e del corretto vivere civile.

Gli spazi e i servizi comuni

Sono interamente a carico del conduttore le spese relative al funzionamento e all’ordinaria manutenzione dei servizi e degli spazi comuni. Tra essi, a titolo di esempio, si citano: il servizio di pulizia; la fornitura dell’acqua, dell’energia elettrica e del riscaldamento; l’ascensore; lo spurgo dei pozzi neri e delle latrine; la tassa per lo smaltimento dei rifiuti. Il pagamento di quanto sopra deve avvenire – in sede di consuntivo – entro due mesi dalla richiesta, secondo quanto previsto dal Regolamento inquilini ATER e dalle leggi vigenti. Prima di effettuare il pagamento, il conduttore ha diritto di ottenere l’indicazione specifica delle spese e dei criteri di ripartizione. Ha inoltre diritto di prendere visione presso l’amministratore condominiale o il rappresentante dell’autogestione dei documenti giustificativi delle spese effettuate. Il conduttore ha diritto di voto, in luogo del proprietario dell’unità immobiliare locatagli, nelle delibere dell’assemblea condominiale relativa alle spese e alle modalità di gestione dei servizi di riscaldamento. Ha inoltre diritto di intervenire, senza voto, nelle delibere relative alla modificazione degli altri servizi comuni.

Responsabile dell’uso degli alloggi non soggetti alla legge regionale 10/96 (quando non indicato diversamente) è il @ Servizio attività immobiliari e Autogestioni e Condomini.

Torna Sutorna su