Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Venezia

L’annullamento dell’assegnazione

stampa

L’annullamento dell’assegnazione viene disposto dal Sindaco del Comune competente nei seguenti casi:

  1. per assegnazione avvenuta in contrasto con le norme vigenti al momento dell’assegnazione medesima;
  2. per assegnazione ottenuta sulla base di dichiarazioni mendaci o di documentazioni risultate false.

In presenza di tali condizioni accertate prima della consegna dell’alloggio, ovvero nel corso del rapporto di locazione, il Comune, contestualmente alla comunicazione con lettera raccomandata con avviso di ricevimento all’assegnatario delle risultanze conseguenti agli accertamenti compiuti, assegna un termine di 15 giorni per presentare deduzioni scritte e documenti, dandone contemporanea notizia all’ATER; i termini sono raddoppiati per gli emigrati all’estero, nel caso in cui trattasi di accertamenti effettuati prima della consegna dell’alloggio.

Il Sindaco richiede il parere della Commissione per l’assegnazione degli alloggi, alla quale invia tutta la documentazione. La Commissione comunica all’interessato l’avvio del procedimento di annullamento, ed ha facoltà di richiedere alle parti ulteriore documentazione integrativa atta a comprovare le circostanze emerse, assegnando un termine non inferiore a quindici giorni. Il parere della Commissione è obbligatorio e vincolante. In conformità al parere della Commissione, il Sindaco, entro i successivi 30 giorni pronuncia l’annullamento dell’assegnazione che comporta la risoluzione di diritto del contratto. L’ordinanza del Sindaco, che deve contenere il termine per il rilascio non superiore a sei mesi, costituisce titolo esecutivo nei confronti dell’assegnatario e di chiunque occupi l’alloggio, non è soggetta a graduazioni o proroghe ed ha carattere definitivo.

La Commissione, qualora formuli parere favorevole all’annullamento dell’assegnazione per dichiarazioni o attestazioni false, provvede a trasmettere gli atti relativi anche alla competente autorità giudiziaria.

Per contattare la Commissione: @ Commissione per l’assegnazione degli alloggi

Torna Sutorna su