Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Venezia

Il cambio consensuale di alloggio

stampa

E’ possibile che gli assegnatari di due o più alloggi gestiti dall’ATER o dal Comune si scambino reciprocamente l’alloggio. Si tratta di uno scambio consensuale, cioè concordato tra gli assegnatari. Gli alloggi devono essere assoggettati alla legge regionale 10/96. Occorre l’autorizzazione dell’ATER e, nel caso di scambio con alloggi comunali, anche quella del comune competente territorialmente.

Per aiutare gli assegnatari che cercano di effettuare uno scambio consensuale di alloggio, l’ATER di Venezia ha creato in questo sito una sezione dedicata agli “Annunci ricerca scambio consensuale“. Per la pubblicazione dell’annuncio, è sufficiente compilare l’apposito modulo n. 10 (reperibile sempre in questo sito nella sezione “modulistica”) e farlo pervenire all’Ater. L’annuncio sarà pubblicato nel sito, senza il nome dell’assegnatario, sostituito da un codice per tutelarne la riservatezza. Il nominativo e il recapito telefonico dell’assegnatario va richiesto telefonicamente al n. 041.798863 oppure via e-mail a relazioni.pubblico@atervenezia.it.

L’autorizzazione allo scambio consensuale  può essere richiesta con gli appositi moduli (n. 8 per assegnatari di alloggi Ater, n. 9 per assegnatari di alloggi gestiti dall’Ater e alloggi gestiti dal Comune) e viene concessa previa verifica del mantenimento dei requisiti per la permanenza in un alloggio Erp e dell’assenza di elementi ostativi al cambio, come ad esempio la morosità.

Il cambio consensuale di alloggio può avvenire, comunque nell’ambito della regione, anche tra alloggi situati in Comuni diversi, previo consenso dei Comuni interessati.

Responsabile delle pratiche concernenti le richieste per il cambio consensuale di alloggio è il @ Servizio per i Rapporti con i Comuni.

Torna Sutorna su