Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Venezia

L’assegnazione e la firma del contratto

stampa

Sulla base della graduatoria, i Comuni assegnano gli alloggi disponibili agli aspiranti, tenendo conto del rapporto tra la composizione del nucleo familiare richiedente e la superficie dell’alloggio.

Una volta ricevuta l’ordinanza di assegnazione dal Comune, gli aspiranti – che ora sono divenuti a tutti gli effetti assegnatari – vengono convocati dall’ATER per la sottoscrizione del contratto di locazione dell’alloggio, in occasione della quale vengono versati il deposito cauzionale, pari a tre mensilità di canone, l’imposta di bollo e le spese contrattuali.

Oltre al contratto di locazione, vengono sottoscritti anche i regolamenti per gli inquilini e di autogestione, la planimetria, le modalità di riconsegna dell’alloggio e l’elenco dei prezzi che saranno addebitati agli inquilini per eventuali danni; questi documenti sono tutti in duplice copia: una per l’inquilino, l’altra per l’ATER.

Dopo la sottoscrizione del contratto di locazione, nel caso di alloggi di nuova costruzione, viene convocata l’assemblea di costituzione dell’autogestione in occasione della quale gli inquilini sottoscrivono per accettazione il regolamento e nominano il rappresentante, che firma la convenzione tra l’ATER e la neocostituita autogestione mentre, nel caso di un alloggio di risulta, cioè di un alloggio già in precedenza utilizzato da altro inquilino, l’assegnatario sottoscrive il regolamento per l’autogestione in occasione della firma del contratto di locazione.

Il canone di locazione decorre dal mese successivo a quello della stipula del contratto di locazione.

Responsabile di tutte le pratiche per la sottoscrizione del contratto di locazione è il @ Servizio per i Rapporti con i Comuni.

Torna Sutorna su