Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Venezia

Le graduatorie

stampa

Entro novanta giorni dalla data di scadenza del bando, il Comune provvede all’attribuzione dei punteggi e alla formazione e approvazione di una graduatoria provvisoria. Per l’istruzione delle domande e la formazione della graduatoria i Comuni possono avvalersi dell’ATER. In tal caso l’istruttoria è demandata ad apposita commissione istituita presso l’ATER.

I Comuni della Provincia di Venezia che hanno deciso di avvalersi di tale possibilità sono i seguenti:

  • Annone Veneto
  • Campagna Lupia
  • Campolongo Maggiore
  • Camponogara
  • Caorle
  • Cinto Caomaggiore
  • Concordia Sagittaria
  • Fiesso d’Artico
  • Fossalta di Portogruaro
  • Gruaro
  • Jesolo
  • Marcon
  • Martellago
  • Musile di Piave
  • Noventa di Piave
  • Pianiga
  • Pramaggiore
  • Quarto d’Altino
  • San Michele al Tagliamento
  • San Stino di Livenza
  • Stra
  • Teglio Veneto
  • Vigonovo

Dopo l’approvazione, la graduatoria provvisoria, con l’indicazione del punteggio conseguito, è immediatamente pubblicata nell’Albo del Comune per trenta giorni consecutivi con l’indicazione dei modi e dei termini per ricorrere.

Agli emigrati all’estero è data notizia dell’avvenuta pubblicazione della graduatoria provvisoria, del punteggio e della posizione conseguita, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento.

Nei trenta giorni successivi alla pubblicazione della graduatoria, nonché, per gli emigrati all’estero, nei quarantacinque giorni successivi dall’invio a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno della comunicazione, gli interessati possono presentare ricorso alla Commissione. Il ricorso è depositato presso il Comune.

Entro 10 giorni dalla scadenza dei termini per la presentazione dei ricorsi, il Comune trasmette alla Commissione Provinciale per l’esame dei ricorsi prevista dall’art.6 della Legge regionale n.10/96, la graduatoria provvisoria unitamente ai ricorsi presentati.

Detta commissione entro novanta giorni dal ricevimento della documentazione trasmessa, assume le decisioni sui ricorsi e le comunica al Comune che provvede alla redazione, approvazione e pubblicazione della graduatoria definitiva.

I punteggi di priorità vengono attribuiti sulla base di particolari condizioni soggettive ed oggettive possedute dal concorrente e dai suoi familiari secondo i criteri previsti dalla legge e riassunti nel bando (vedasi fac-simile bando di concorso).

Per ciascuna classe di punteggio le domande di assegnazione vengono collocate in graduatoria in ordine crescente in relazione al reddito del nucleo familiare. In caso di ulteriore parità si procede mediante sorteggio.

Note

1. Si ritengono abitazione impropria i negozi, le roulotte, i garage o simili; le baracche, le soffitte, i sotterranei o altri ricoveri; altri locali impropriamente adibiti ad abitazione e privi di servizi igienici propri regolamentari. La certificazione di “alloggio improprio” viene rilasciata dall’Ulss di zona, previo sopralluogo di un tecnico.

2. Si ritiene alloggio antigienico quello privo di servizi igienici o che presenti umidità permanente dovuta a capillarità, condensa o idroscopicità, ineliminabile con normali interventi manutentivi. La certificazione di “alloggio antigienico” viene rilasciata dall’Ulss di zona, previo sopralluogo di un tecnico.

Torna Sutorna su