Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Venezia

I requisiti

stampa

I requisiti per l’accesso agli alloggi di Edilizia residenziale pubblica soggetti alla legge regionale 2 aprile 1996 n. 10 sono stabiliti dalla legge stessa e dalle modifiche e integrazioni successive. Essi sono:

  1. Cittadinanza italiana o di uno Stato appartenente all’Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia, e loro familiari (D. L.vo n. 30/2007). Sono ammessi i cittadini titolari di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (D. L.vo n. 3/2007); i titolari dello status di rifugiato e dello status di protezione sussidiaria (D. L.vo n. 251/2007); gli stranieri regolarmente soggiornanti in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che esercitano una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo (art. 40, comma 6, D. L.vo 286/1998).
  2. Residenza anagrafica o attività lavorativa esclusiva o principale nel Comune cui si riferisce il bando di concorso, salvo che si tratti di lavoratori destinati a prestare servizio in nuovi insediamenti industriali compresi in tale ambito, o di lavoratori emigrati all’estero, per i quali è ammessa la partecipazione per un unico ambito territoriale; gli appartenenti alle forze dell’ordine possono partecipare al bando di concorso purché risiedano e prestino servizio nella provincia del Comune cui si riferisce il bando, ovvero risiedano nella provincia del Comune cui si riferisce il bando, ma prestino servizio in altra provincia della Regione del Veneto e la distanza tra la sede di servizio ed il Comune cui si riferisce il bando non superi, in quest’ultima ipotesi, i 90 chilometri.
  3. Non titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggio/i o parti di essi per i quali il 6 per cento del valore catastale complessivo sia superiore al 50 per cento di una pensione minima Inps annua (Nota: € 6.524,57 per il 2017, ovvero € 501,89 al mese), ubicato in qualsiasi Comune del territorio nazionale.
  4. Assenza di precedenti assegnazioni in proprietà immediata o futura di alloggio realizzato con contributi pubblici, o assenza di precedenti finanziamenti agevolati in qualunque forma concessi dallo Stato o da enti pubblici, sempre che l’alloggio non sia inutilizzabile o distrutto senza dar luogo al risarcimento del danno.
  5. Reddito annuo complessivo del nucleo familiare in misura non superiore ad euro 24.850,00 (limite valido per l’anno 2017, redditi 2016), importo annualmente rivalutato dalla Giunta della Regione Veneto. Il reddito complessivo di tutti i componenti il nucleo familiare è da computarsi con le modalità di cui all’articolo 21 della legge 5 agosto 1978, n. 457, e successive modifiche, (detto anche “reddito convenzionale”) in relazione alla tipologia del lavoro svolto, al numero dei componenti il nucleo familiare ed al numero dei figli fiscalmente a carico, compresi i nascituri (vedasi il prospetto esemplificativo in calce riportato).
  6. Non aver ceduto in tutto o in parte, fuori dei casi previsti, l’alloggio di edilizia residenziale pubblica eventualmente assegnato in precedenza in qualsiasi forma.
  7. Non occupare senza titolo un alloggio di edilizia residenziale pubblica.

Esempio: i seguenti nuclei familiari possono partecipare al concorso solo se godono di un reddito complessivo non superiore ai limiti sotto indicati:

Numero componenti il nucleo familiare Numero figli a carico Limite di reddito da lavoro dipendente Limite di reddito per altri tipi di reddito
1 0 € 41.416,67 € 24.850,00
2 0 € 41.416,67 € 24.850,00
2 1 € 42.277,43 € 25.366,46
3 1 € 43.138,20 € 25.882,92
4 2 € 44.859,74 € 26.915,84
5 3 € 46.578,07 € 27.946,84
6 4 € 48.302,80 € 28.981,68

Per accertare quali familiari possono essere considerati componenti del nucleo familiare è necessario consultare il bando di concorso a cui si intende partecipare.

Per il cittadino di un Paese non appartenente all’Unione Europea, sono considerati componenti del nucleo familiare i familiari per i quali sia stato chiesto il ricongiungimento in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente.

I requisiti devono essere posseduti da parte del richiedente e, limitatamente alle lettere c), d), f) e g), da parte degli altri componenti del nucleo familiare, alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda del bando di concorso, nonché al momento della assegnazione e devono permanere in costanza di rapporto.

Il requisito di cui alla lettera e) deve permanere alla data della assegnazione con riferimento al limite vigente in tale momento. Il requisito sussiste anche qualora l’alloggio sia inutilizzabile dal proprietario di cui alla lettera c) perché gravato da diritto di usufrutto, uso, abitazione a tempo indeterminato.

Torna Sutorna su