Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Venezia

Mira

stampa

Un restauro e un nuovo edificio nel complesso di Villa Marchi, a Marano di Mira

Una nuova costruzione con quattro alloggi e un edificio completamente ristrutturato con sette alloggi sono stati consegnati al Comune di Mira. Entrambi gli edifici si trovano nel complesso di Villa Marchi, a Marano. La ristrutturazione ha interessato la vecchia barchessa della villa, della quale sono state mantenute tipologia e particolarità. Il nuovo edificio, in linea con quello ristrutturato, quasi a continuarlo, riprende invece le caratteristiche architettoniche dell’altro nuovo edificio, posto di fronte e ultimato nel 1999, con dodici alloggi. Precedentemente era già stata restaurata la villa padronale, ricavandone sette alloggi. Il complesso di Villa Marchi appare quindi come una grande corte, con il retro della villa nel lato piccolo, un lungo edificio nel lato grande e due edifici – quelli appena consegnati al Comune – nell’altro lato grande. E’ in fase di progettazione un ultimo edificio, nell’altro lato piccolo, che dovrebbe contenere ventun alloggi. La nuova costruzione con quattro alloggi (e quella di fronte, completata quattro anni fa, con dodici) è stata progettata dall’architetto Aldo Rossi, è costata complessivamente 476 mila euro ed è stata realizzata dalla Edilit Costruzioni di Dolo. Il recupero della barchessa ha comportato un investimento di 607 mila euro ed è stato eseguito dalla Furlanis Edilrestauri di Venezia, dopo la risoluzione del contratto con la prima impresa appaltatrice. Per entrambi gli edifici la progettazione esecutiva è stata curata dall’architetto Tiziana Quaglia e la direzione dei lavori dall’ingegner Domenico Contarin, assistito dal geometra Claudio Carniato, tutti dell’Ater. Nella barchessa ristrutturata vi sono quattro alloggi da 75 metri quadrati e tre più piccoli (45, 55 e 70 metri quadrati) con 160 metri quadrati di pertinenze comuni. Nella nuova costruzione vi sono due alloggi da 48 metri quadrati e due da 96, oltre alle terrazze, alle aree comuni e alle autorimesse.

Torna Sutorna su