Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Venezia

Fossalta di Portogruaro

stampa

A Fossalta di Portogruaro otto alloggi e un importante lavoro di recupero

Sono stati consegnati all’amministrazione comunale di Fossalta di Portogruaro gli otto alloggi frutto dell’acquisto e ristrutturazione di un complesso edilizio situato nel centro storico del paese. Laddove possibile si sono recuperati gli edifici esistenti, mentre è stato demolito quanto non recuperabile o aggiunto nel tempo, per costruire all’interno del complesso un nuovo fabbricato di pari volume rispetto alle demolizioni.

Il risultato è di rilievo sia dal punto di vista progettuale e urbanistico, con l’importante recupero di un complesso degradato e l’adozione di interessanti soluzioni architettoniche, sia sotto il profilo del recupero edilizio, riconsegnando alla città una porzione del proprio passato – con notevoli elementi di pregio – nell’angolo della piazza principale, a due passi dal municipio e davanti alla chiesa parrocchiale.

Attraverso i lavori di ristrutturazione sono stati realizzati 8 alloggi, 2 uffici e un negozio, per un costo totale di 1,6 miliardi di lire (di cui 1,3 miliardi per gli alloggi con finanziamento Dgr 4877/94 e circa 300 milioni di fondi Ater per il negozio e gli uffici). Quattro alloggi sono stati ricavati in via Mazzini, di cui uno di 99 mq, uno di 62 mq e due di 76 mq. Tutti hanno l’ingresso indipendente accessibile dalla corte interna e si sviluppano su tre piani con ingresso al piano terra, cucina, soggiorno e servizio al primo piano, camere e altro servizio al secondo piano, con tetto a vista in legno. Un alloggio di 81 mq è stato ricavato nell’edificio recuperato di via Callalta, anche questo su tre piani con caratteristiche analoghe ai precedenti. Il nuovo edificio di via Callalta ospita tre alloggi con ingresso condominiale, ciascuno di circa 50 con soggiorno, angolo cottura, camera e servizio su un unico piano. Gli uffici e il negozio sono al piano terra in piazza Risorgimento (47 mq), in via Mazzini (46 mq) e in via Callalta (39 mq).

Il progetto è stato redatto dall’ingegner Alberto Lionello e dall’architetto Stefania Spiazzi. I lavori, iniziati nell’aprile 1997 dall’I.C.Edil Spa di Palermo e ultimati nel marzo 2001 dall’impresa Ferrara Antonino di Palermo, sono stati diretti dal progettista, sostituito in corso d’opera dall’ingegner Domenico Contarin assistito dal geometra Claudio Carniato.

Torna Sutorna su